lunedì 19 settembre 2016

ANTICIMA NORD della BUSAZZA CIVETTA "I colori dell'arcobaleno"


" .. poi, d'improvviso, mi sciolse le mani e le mie braccia divennero ali, quando mi chiese - Conosci l'estate io per un giorno, per un momento, corsi a vedere il colore del vento."
(Il SOGNO di MARIA   Fabrizio De Andrè)


I COLORI DELL' ARCOBALENO


Parete Ovest 5 agosto 1995  Silvestro Stucchi e Ivo Ferrari
750 metri, difficoltà fino al VI+, tutti i chiodi usati e menzionati nella relazione sono stati lasciati.

L'attacco si raggiunge salendo interamente lo zoccolo dell'anticima fino a un evidente conoide di sassi sotto degli strapiombi, a destra del diedro ASTE-AIAZZI.(1968).

1) Salire un diedro aperto e sostare a destra di uno strapiombo.
2) Diritti per placca fino a un diedrino formato da un pilastro sotto i neri (50 metri 2ch, 5+)
3)Salire il diedrino, quindi le placche scure fino ad una cengia che taglia la parete (25 metri 5+ 1 ch+ 1 ch sosta)
4) Superato un piccolo rigonfiamento si continua per placca fino ad un'altra cengia che taglia orizzontalmente la parete; tiro fantastico (50 metri 5° e 6+, 1 chiodo con cordino + 1ch sosta)


Il chiodo con cordino sopramenzionato è stato messo dal secondo di cordata per indicare il punto giusto di passaggio ... la sosta è stata raggiunta dal primo in completa apnea mentale, senza protezioni per l'intero viaggio ... si narra non fosse del tutto presente!


5)Salire verticalmente, quindi per una rampa a sinistra per 10 metri, poi ancora verticalmente per placca in mezzo a due pilastrini ( 50 metri, 1ch + 1ch sosta)
6)Diritti su roccia a tratti instabile fino a sostare sullo spigolo del grande diedro-canale che traversa obliquamente l'intera parete interessata dalle grandi placche (50 metri, 3° e 4°)
7) Continuare per lo spigolo di sinistra del canale (50 metri 5° 1ch)
8)Attraversare il canale, superare un breve diedro, poi a destra 10 metri e continuare diritti fino a sostare sotto dei diedrini situati a sinistra dell'enorme tetto (50 metri, 2 ch)
9) Verticalmente su roccia rotta fino ad una piccola nicchia sotto i grandi strapiombi gialli (50 metri 4°)
10) Diritti per placca, quindi per un esile cengia traversare orizzontalmente a destra sotto i gialli fino a sostare sullo spigolo di destra dell'Anticima (50 metri 5+ 1ch di sosta)
11) Continuare per lo spigolo ( 50 metri 5+, 3° 1ch di sosta)
12-13) Ancora diritti sullo spigolo su roccia friabile (100 metri)
14) Dallo spigolo traversare a destra e salire l'evidente strapiombo fino ad entrare nel diedro terminale (45 metri, 5° e 3°)
15)Per un diedro si raggiunge la vetta (55 metri 3° e 4°)
                                           ****
Relazione originale, le dimenticanze durante alcune lunghezze dei gradi è forse dovuta al pennino che portavamo per trascrivere al termine del tiro ..a volte non funzionava e a volte ci scordavamo!
                                            ****
Un compagno di cordata unico, un Amico importante ...Una stagione furibonda dove le ripetizioni e l'apertura di vie in Dolomiti  superavano di gran lunga le uscite con le pseudo amiche fidanzate simpatizzanti di allora.
Questa meravigliosa linea, e qui sembrerebbe strano, visto che ogni propria creatura è meravigliosa agli occhi del creatore, è ...veramente superba!
Probabilmente mai ripetuta.
Un arrampicata Dolomitica simile alla Val di Mello!!!! placche adagiate(non troppo) dove il gioco di piedi è fondamentale.
Grazie Silvestro per quel giorno bellissimo!
ivo



Dopo avere inviato la foto e la relazione all'autore della Guida del Civetta, questo è lo spazio che vi è dedicato.

paretone

Buona arrampicata

1 commento: