martedì 13 settembre 2016

PRIMA PALA di SAN LUCANO "IN SEI"



"Io la sera mi addormento
e qualche volta sogno perché voglio sognare
e nel sogno stringo i pugni
tengo fermo il respiro e sto ad ascoltare"

( I TRENI A VAPORE   Fiorella Mannoia)


Prima Pala di San Lucano  "via in Sei"

E' da parecchio tempo che non scalo in Prima Pala, mi piace la roccia della Prima Pala, e poi queste giornate colorate mettono una gran voglia di Prima Pala.
Ieri sera ho messo le scarpette e il sacchetto della magnesite nello zaino,  un litro e mezzo d'acqua gasata e ... la voglia di andare.
Mentre cammino leggero e spedito riconosco i luoghi visti e vissuti tante volte, mi mancavano. Cielo azzurro, colori sgargianti e profumi intensi.
In forcella mi fermo a guardare il mondo, aspetto il giusto tempo prima di iniziare la discesa verso la base della Prima Pala, verso il Boral che conserva ancora blocchi enormi di neve invernale.
Il silenzio quaggiù è forte, lo si sente dovunque. Mi preparo .. Immergo le mani nel sacchetto ed inizio il mio personale gioco dell'arrampicarmi su questa magnifica lavagna di roccia lavorata, in Sei, questo è il nome che voglio salire, che sto salendo. E' un po' come schiacciare l'occhiolino a Lorenzo scopritore di questi appigli e abbracciare Ettore che tanto mi ha dato e insegnato..
Supero una fessura, resa infida da una colata d'acqua proveniente da chissà dove, salgo, salgo godendo il mio gesto solitario.
Il sole mi prende che sono già oltre la metà facendo evaporare quel poco di sudore e "forse" un po' di grasso.
La salita è roccia piacevole, compatta e ruvida, una parete preziosa, lontana dalla normalità in un angolo colorato delle Pale di San Lucano.
Esco fuori, in un prato di stelle alpine e fiori di ogni genere, mi sdraio nell'erba alta, verde ....e profumata.




Il sentiero che porta al bivacco Bedin è a pochi passi da me, la discesa comoda e senza fretta, che giornata meravigliosa. Riappacificarsi  con me stesso nella natura che più amo.
Scatto foto, simili ad altre foto ma mai uguali nel ricordo. Alcune ore più tardi, dopo aver bevuto l'acqua fresca nella magica fontana di Pradimezzo, mi trovo con Federica, Marinella, Dario, Ettore e Anisa a Bogo.


Prima Pala di San Lucano  "via in sei"
Lorenzo Massarotto, Livia Bellan, Ettore De Biasio, Ermes Bergamaschi, Francesco Cappellari e Danilo Zonta 8 settembre 1996 sviluppo 430 m. Difficoltà fino al V- Solo ancoraggi naturali


agosto 2016







Nessun commento:

Posta un commento