sabato 12 novembre 2016

LE VENTI E CINQUE VIE DI FEDERICA n1 e 2


“Cosa vorrei per Natale? La neve, tanta neve, tantissima neve e … una promessa da parte tua”

“O cazz …. Cosa vuoi che ti prometta! No, non mi piacciono le promesse, poi sai bene che io mi perdo in un bicchiere d’acqua”.

“Dai Ivo, promettimi che mi porti su venticinque vie!”

“Venticinque vie! ... ma sei matta! Viene l’inverno e se arriva la neve ( speriamo) come facciamo a farne così tante?”.

“Noo .. non tutte adesso, non potremmo, anzi, non potrei, visto che tu sei sempre “libero” con i bambini e fai quello che vuoi (il papà), ma per me è diverso (la mamma) ... Intendo nel giro di una stagione, da adesso ad “adesso” l’anno prossimo”.

“Beh, così va meglio, scegli tu però!”

Potrei chiamare “le venti e più vie della Federica” questo giro immaginario, potrei  e … sì, lo chiamo così: le VENTI e 5 VIE di Federica.
La prima richiesta è logisticamente difficile, ma la scelta l'ho lasciata a lei. Io devo solo sganciare i soldi (per andare) e arrampicare. La prima cosa è molto più difficile della seconda.

SARDEGNA "TOCCATA E FUGA"

Sicuramente la "toccata e fuga", non è il miglior modo per conoscere e vivere certi luoghi, ma credo anche che sia l'occasione per aprire gli occhi e cogliere la palla al balzo. 
Per  stimolare un ritorno con più calma.
Poi il tempo a disposizione è quello che è, visto che io sono responsabile dei compiti scolastici dei miei bimbi, essendo sempre stato il Primo della classe!!! (che ho frequentato poco).
VERO MAESTRA?!?

Questa prima "richiesta" mi piace fin da subito, tanto che la sera cerchiamo il miglior prezzo per traghettare nell'isola dalla roccia stupenda. La bellissima e dettagliata guida sulle vie lunghe di Maurizio Oviglia ci mette in imbarazzo: difficile scegliere tra tanta meraviglia.
Due linee in due posti diversi, la Mamma ha scelto.

                                             ********
Ammiro Maurizio Oviglia, e lo considero uno dei più grandi  arrampicatori italiani: linee ovunque, stili diversi e quella disponibilità e gentilezza non sempre comuni nel mondo verticale. Aspetto con ansia un suo libro che racconti la sua vita in verticale ...
                                             ********

N1
Usciamo dal ventre della Nave già abbastanza eccitati, io molto più che "abbastanza". In poco più di un ora siamo nel parcheggio per "Surtana". Incontriamo qualche arrampicatore spagnolo e nessun altro ... Giornata meravigliosa, roccia stratosferica e divertimento assicurato. The Sound of Silence scorre via su appigli bellissimi, cielo azzurro e vento Patagonico!

N2
Una frana sulla strada più diretta ci impone una deviazione passando per Nuoro.  Ma fermandoci ad ogni parete che vediamo all'orizzonte, guida e binocolo alla mano, ci ritroviamo sul finire del giorno a Baunei. Il vento è aumentato, si dorme accanto alla macchina ... notte calda e ventilatissima!!!!

Pedra Longa:  Marinaio di Foresta è un capolavoro di arrampicata classica, ricerca del logico nell'illogico, una di quelle vie che vorresti fare ogni giorno, dopo il caffè al bar, dopo il lavoro in ufficio ... le cose belle non stufano mai. Penso al "Mauri" in apertura, l'appiglio giusto, la vista preclusa dalle traversate ... Bravo, Bravi, Bravissimi .

Brava anche a Federica che ha scelto due vie fantastiche, un buon inizio ...
Un Grazie Particolare a Maurizio Oviglia per quello che fa e per come lo fa. L'arrampicata e il suo strano mondo ti deve molto ....

... Il ritorno è senza storia ...dormo sulla nave, dormo mentre guido e dormo in casa.













Per saperne di più:

http://www.sardiniaclimb.com/

http://www.pietradiluna.com/libri-guide-maurizio-oviglia/




Nessun commento:

Posta un commento