lunedì 9 gennaio 2017

NEL VENTO ...

Janez Jeglic
"Quando ho raggiunto la sommità della parete, Janez non era lì per salutarmi. Al suo posto c’erano soltanto il vento fortissimo e delle impronte, che si dirigevano verso la cima nord-ovest lungo il lato meridionale della cresta. “Ma adesso dove sta andando?” mi sono chiesto quando l’ho intravisto per un istante. Ho aspettato e l’ho chiamato: “Janez, Janez!”. Poi ho pensato: “Forse è andato avanti un po’ per dare un’occhiata”. Così, imprecando, ho cercato di raggiungerlo: dove si stava cacciando con quel tempo? Ad un certo punto, mentre il vento soffiava furioso, ho raggiunto le sue ultime tracce: ho visto soltanto la sua radio, accesa, capovolta sul lato opposto della cresta. E sono crollato".
Tomaz Humar

Janez Jeglič, classe 1961, uno dei migliori alpinisti di ogni tempo, era stato portato via dal vento. –  AAJ, 1998


2 commenti:

  1. In fondo bastano poche, semplici frasi a fare di uno scritto una poesia.. basta tutto l'amore che Humar mette in questo ricordo.. e questo è veramente tanto..

    RispondiElimina
  2. Janez, Silvo, Franc... I Tre Moschettieri! Vie come la Direttissima dell'inferno al Torre, Psicho Vertical alla Egger e la diretta al Bhagirati III rimarranno per sempre nella mia memoria come dei capolavori di audacia!

    RispondiElimina