venerdì 12 gennaio 2018

UNA CRESTA SENZA FINE PARTE 7



SABATO 22 AGOSTO

Secondo il mio piano di viaggio, oggi dovrei poter transitare sul Monte Bianco... Attacco molto deciso la risalita della Calotta di Rochefort. Troppo in fretta, mi trovo a procedere su grattons e a sudare su una parete francamente ripida. Ancora e sempre arrampicare, traversare, cercare una cengia, calarsi su un intaglio, rosicchiare appiglio dopo appiglio un passaggio sulla parete nord. Ho solo voglia di camminare, di lasciar le mani penzoloni lungo il corpo, di poter guardare lontano...
Primo incontro con la folla in vetta all'Aiguille de Rochefort. Due chiacchiere veloci e simpatiche. Mi sento un po' sfasato da queste cordate che arrivano dal rifugio Torino. Non ho tanta voglia di tuffarmi nei miasmi del Colle del Gigante. Abbandono tutto il mio materiale alla Punta Helbronner. Porto con me solo piccozza, ramponi, acqua e duvet. Ho voglia di finire. Ho voglia di correre. Ancora cattivo tempo. Mi riacchiappa ogni giorno un po' prima. Le nuvole sono a metà della Tour Ronde. Mi rifugio al bivacco della Fourche per lasciar passare una breve scarica di grandine. Così credo quando mi tiro dietro la porta della capanna. Poi, nel pomeriggio, arrivano due cordate; per l'indomani hanno in progetto di percorrere la Major e la Kuffner. Mi rassicurano sulle previsioni meteo. Scalpito d'impazienza ma decido di attendere.

http://ivoferrari.blogspot.it/2018/01/una-cresta-senza-fine-parte-6.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2018/01/una-cresta-senza-fine-parte-5.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2017/12/una-cresta-senza-fine-parte-4.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2017/10/una-cresta-senza-fine-parte-3.html

https://ivoferrari.blogspot.it/2017/07/una-cresta-senza-fine-parte-due.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2017/07/una-cresta-senza-fine-1992.html

Nessun commento:

Posta un commento