mercoledì 17 gennaio 2018

UNA CRESTA SENZA FINE PARTE 8


DOMENICA 23 AGOSTO

Per tutta la notte il tetto di lamiera per la caduta di neve e grandine. Quando smettono le raffiche di vento, sogno il bel tempo. Ore 4 del mattino: un bello strato di polvere ricopre il balcone metallico. Il bivacco sembra un'imbarcazione perduta in un oceano di bruma. A tratti riesco a scorgere a mala pena la prua del naviglio formato dalle Aiguilles de la Fourche. Posso scegliere se metter fine al mio periplo o infagottarmi per l'attesa. Le due cordate si nascondono nei Gore-tex e cominciano la discesa.
Io resto. Il maltempo non molla. Mi sento impotente. Non ho alcuna distrazione. Niente fornello: niente neve da fondere. Niente cibo: niente pasti da preparare. Nessuna lettura, quindi nessun universo i cui rifugiarmi. Sprofondo nel libro di rifugio. Guardo sfilare tutte le nazionalità, poi cado sulla scrittura tonda e regolare di Gian Carlo Grassi. Un'emozione intensa. Chiudo il libro.
Le ore passano, cullate dalle raffiche di vento. Perché aspettare? Aspettare cosa? Sono già salito al Monte Bianco. Più volte. Da tutti i versanti. Le difficoltà sono passate. Ma non riesco a decidermi a scegliere, a non terminare del tutto il mio progetto. Il mio piacere sta anche nell'atto di passare per il Monte Bianco, di correre lungo le creste di Bionnassay, di scendere lentamente per i Dômes de Miage e l'Aiguille de la Bérangère. Il piacere della "mia" traversata è percorrerla sino in fondo, senza rotture.
Ho voglia di scendere, di stare con i miei.
Non ho più voglia di scendere. Vorrei continuare ai di là. Sono completamente solo e comunque sto bene. Compiacenza dell'ego o serenità? Una moneta a due facce. Mi sorprendo a immaginare di andare avanti. Non risalire il Miage, ma andare avanti sul Picco Monte Bianco e seguire le montagne fino a sud. Mi sento in profonda mutazione. Ho voglia di altre montagne, più lontane, più grandi. Permetto a certi sogni, che avevo lasciato assopiti, di riemergere.
La nebbia diventa rara.

http://ivoferrari.blogspot.it/2018/01/una-cresta-senza-fine-parte-7.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2018/01/una-cresta-senza-fine-parte-6.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2018/01/una-cresta-senza-fine-parte-5.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2017/12/una-cresta-senza-fine-parte-4.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2017/10/una-cresta-senza-fine-parte-3.html

https://ivoferrari.blogspot.it/2017/07/una-cresta-senza-fine-parte-due.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2017/07/una-cresta-senza-fine-1992.html


Nessun commento:

Posta un commento