mercoledì 21 febbraio 2018

VORREI UN GIORNO VEDERE IL MARE D'INVERNO




E' un desiderio più che un sogno, lo porto dentro da ormai tanto tempo, forse troppo .. e forse rimarrà tale, un desiderio.
Vorrei VEDERE IL MARE d'inverno, lo vorrei guardare dall'alto del Gran Sasso, splendida Montagna. ..
Intanto sono Massimo, Paolo, Cristiano, Tiziano, Andrea e, Tutti quelli che in Inverno hanno visto il Mare a tenere il desiderio vivo ..."


Sul secondo pilastro  foto. Marcheggiani


Secondo Pilastro d'inverno  di Massimo Marcheggiani

"..E' il gennaio dell'83 quando, ancora con Paolo Caruso, saliamo verso il rifugio Franchetti. L'amico e gestore del rifugio Pasquale Jannetti ci da le chiavi e passiamo così la notte all'interno del rifugio dove possiamo anche cucinare qualche cosa di caldo.
Usciamo al mattino presto in modo da trovarci alle prime luci in vetta all'anticima dell'Orientale, da dove inizia l'insidiosa discesa del canale Jannetta. L'affrontiamo con i primi raggi del sole, ben visibile in lontananza. Per iniziare una scalata bisogna prima scendere a ritroso, come gamberi, il lungo e profondo canale che ci conduce alla base dei pilastri., e poi affrontare la parete per la quale si è partiti ..."


".. E' la seconda volta che mi legavo in cordata con Paolo, ma nonostante ciò eravamo in sintonia perfetta; non dovevamo dirci nulla, ognuno sapeva esattamente cosa e come fare. Nessuno di noi aveva mai scalato la via, aperta dalla cordata Mario-Jovane, ma forti della bella e veloce scalata dell'inverno precedente stavamo osando quello che nessuno aveva mai provato: uscire in giornata dal secondo pilastro; non avevamo con noi sacchi da bivacco, né cibo o fornello, solo una borraccia a testa.
Superiamo il caratteristico tetto quadrato a filo tra sole ed ombra; più in alto ogni tanto il sole ci accompagna e scalda. Siamo fortunati, in cielo neanche una nuvola e solo un leggero vento di quando in quando ci fa indossare i guanti e chiudere bene la giacca. Pur trovando neve in parete, non calziamo quasi mai i ramponi, ma quando la verticalità della parete viene a mancare, molto in alto, la continuità di ghiaccio e neve ci fa capire che il secondo pilastro è sotto di noi".


http://ivoferrari.blogspot.it/2016/11/quarto-pilastro.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2016/12/fulmini-e-saette.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2017/01/una-solitaria-nelle-solitarie.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2017/04/roberto-e-alberto.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2017/10/una-scelta.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2017/11/limmagine.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2017/11/i-quattro-pilastri-dinverno.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2017/12/diedro-di-mefisto-paretone-del-gran.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2018/01/linea-simbolo.html

http://ivoferrari.blogspot.it/2018/01/e-stato-guardando-questa-bellissima.html


Nessun commento:

Posta un commento