domenica 23 dicembre 2018

MANGART IL CAPOLAVORO DI ANDREA


"Basta leggere l'introduzione alla Storia per rimanerne affascinati".
Io non l'avevo mai fatto, sommerso in decine di altre letture...ma ora sono felice perché finalmente l'ho letto, tutto d'un fiato, sì! Perché un libro, un romanzo così, non si può diluirlo nel tempo. Andrea mi ha riportato alla memoria il Mangart, Casarotto, e quella triste pagina di storia moderna che è stata la feroce guerra dei Balcani… mi ha fatto pensare alle immagini che la sera vedevo davanti alla tv, generali, caschi blu, mussulmani, intrighi, GENOCIDI… 
L'ha fatto con un romanzo, una storia inventata da qualcosa di vero, che la mente dell'autore ha elaborato e messo su carta in modo magnifico… Ne ho letti di libri, ma questo "Mangart" mi ha rapito nel vero senso della parola.  Probabilmente molti l'hanno  già letto, è uscito parecchi anni fa! Poco importa, se qualcuno come me non l'ha ancora fatto, LO CONSIGLIO di cuore: bello, scritto bene, coinvolgente e da pensare...da pensare tra i ricordi.
GRAZIE ANDREA




Nessun commento:

Posta un commento